AGENZIA DI INDAGINI INVESTIGATIVE A MILANO

COME LAVORIAMO

Come lavora l’Agenzia investigativa Grifoni


Sin dall’inizio, l’Agenzia di Investigazioni “Guglielmo Grifoni” di Milano ha improntato il proprio lavoro sulla professionalità e serietà.

Agenzia di Investigazioni “Guglielmo Grifoni”

Ho sempre lavorato in modo distaccato dagli stereotipi nella realtà nostrana, che richiede  doti di equilibrio, intuito, serietà e capacità di svolgere il proprio operato nell’esclusivo interesse del cliente.

In quest’ottica sono stato promotore, tutor e infine anche partecipante del primo corso, a livello nazionale del “Corso di Aggiornamento Professionale dell’Investigatore Privato nel Nuovo Codice Penale svoltosi sotto l’egida dell’IREF Istituto Regionale Lombardo di Formazione per la Pubblica Amministrazione a Milano dal 30/09/1989 al 16/10/1989.

Le investigazioni private

A proposito di investigazioni private, è necessario fare una breve premessa per spiegare la loro nascita e il loro evolversi col decorso del tempo .

Le investigazioni private nascono nei primi anni del secolo scorso senza alcuna particolare autorizzazione necessaria, se non quella di una semplice segnalazione alla Questura, come agenzia di affari (ex art. 115 del TULPS). Con le nascenti organizzazioni di istituti di vigilanza privata e alcuni orientamenti dei Tribunali si è arrivati ad una prima regolamentazione degli istituti di vigilanza, dove sono stati inseriti anche quelli del campo investigativo privato attraverso l’approvazione del R.D. 04/06/1914 n. 563, nel quale hanno trovato spazio, come recita il Regio Decreto: autorizzazione di Polizia per l’esecuzione di investigazioni e ricerche, ovvero per la raccolta di informazioni per conto di privati.

I cardini di tale attività sono stati poi ulteriormente confermati con il Regio Decreto 18/06/1931 N. 773. (T.U.L.P.S. – Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza) e relativo regolamento di attuazione e dal recente Decreto Ministeriale n. 269/2010 che ha fermato il proliferare di questi istituti di investigazioni, sorti nell’ultimo decennio, non sempre rispondenti alle reali necessità del mercato, fissando per il richiedente dell’autorizzazione, il possesso di due requisiti: il primo titolo di studio di Laurea anche triennale e il secondo l’esperienza maturata quale dipendente per non meno di un triennio presso altro istituto, il cui titolare è in possesso di autorizzazione da più di cinque anni.

L’investigatore privato

Con il tempo l’antica figura dello “spione” è stata superata con una figura più professionale  frutto di  sacrificio, studio delle pratiche investigative, con ore e ore di appostamenti, pedinamenti e anche di  trasferte.

Il detective privato è oggi considerato un professionista serio, equilibrato, dotato di intuito, capace di custodire le confessioni dei propri committenti e nel loro esclusivo interesse.

Esso  ha seguito con l’evolversi del tempo anche le modalità di comunicazione aggiornandosi alle più raffinate tecnologie investigative, elettroniche e informatiche.

Tali competenze sono quotidianamente aggiornate con partecipazione a seminari e convegni, con lo scambio di esperienze e collaborazioni con altri colleghi sparsi in tutto il mondo. Tutto questo ha certamente migliorato e migliora tutt’oggi la loro professionalità.

Oggi per tutte quelle attività che, per motivi istituzionali, non possono essere svolte dalle Forze dell’Ordine, è richiesto l’intervento di un investigatore privato, che supporta il cliente in tutte quelle richieste necessarie ad una difesa davanti agli organi competenti Giudiziari